giovedì 29 marzo 2018

DOMENICA 15 APRILE 
RIDING READING


Domenica 15 aprile Fiab Piacenza organizza una biciclettata all'insegna della lettura e della scoperta di angoli verdi e poco conosciuti della nostra città che spesso, per abitudine o "pigrizia" sfuggono al nostro sguardo; lo facciamo all'insegna della lettura condivisa di alcune pagine di autori scelti liberamente dai partecipanti che abbiano come tema la bicicletta o l'ambiente. Il percorso prevede varie "tappe" (Orti di santa maria di Campagna, Giardini di Baden Powell, Palazza Ghizzoni Nasalli, Giardino della Memoria, parco di via Veneto),  ad ogni tappa la lettura di un brano da parte di un partecipante.

L'iniziativa è aperta a tutti, soci, simpatizzanti e amici; tutto ciò che occorre sono: un breve brano tratto da un racconto, un romanzo o una poesia, una bicicletta e la voglia di condividere il piacere della scoperta.
Al termine del percorso verrà offerto un aperativo a tutti i partecipanti. 

Domenica 15 aprile ore 10.00 presso sede in piazzale delle Crociate, 5 (Centro Educativo Tandem) rientro previsto ore 12.00

Per l'adesione contattare  Pietro 340 7381748; Lucia 335 7081559 o inviare una mail a fiabpiacenza@gmail.com

domenica 11 marzo 2018

Martedì 13 marzo alle ore 21.00 presso la Serra di Palazzo Ghizzoni Nasalli, via Gregorio X, 9 si svolgerà l'incontro con lo scrittore EMILIO RIGATTI per una"Chiacchierata filosofica dedicata alla bicicletta".
Emilio Rigatti, insegnate e scrittore, ma soprattutto cicloviaggiatore, nel 2001 ha appeso il volante al chiodo alla fine del viaggio a pedali da Trieste a Istanbul   - in compagnia di due straordinari compagni di viaggio: lo scrittore Paolo Rumiz e il vignettista Altan - esperienza raccontata in seguito nel libro "La strada per Instabul" premio "Albatros" per la letterartura di viaggio nel 2002 - per diventare uno degli autori più interessanti di opere dedicate alla bicicletta e al viaggio come straordinario opportunità per conoscere il mondo, la natura che ci circonda e noi stessi.
Ha raccontato il piacere e la filosofia del viaggiare quotidiano in bicicletta in "Minima pedalia. Viaggi quotidiani in bicicletta e manuale di diserzione automobilistica", pubblicato nel 2004. A fine 2005 ha raccontato in "Yo no soy gringo. Taccuini sudamericani di coincidenze, truffe e piccoli miracoli" come è nata la sua passione per le due ruote. Nel 2006 ha attraversato l'Italia a pedali evitando i percorsi turistici e lo ha riporato nel libro "Italia fuorirotta. Viaggio a pedali lungo la Penisola del tesoro".
E nel 2007 ha raccontato la sua esperienza di insegnante nel libro "Se la scuola avesse le ruote. Avventure di ragazzi on the road e manuale di pedalogia"
 Nel 2009 ha rievolcato il suo legame con il territorio dalmata in "Dalmazia, Dalmazia. Viaggio sentimentale da Trieste alle Bocche di Cattaro".

Tra le ultime opere pubblicate ricordiamo:
"Gli alchimisti delle colline e altre storie di uomini e orrizzonti di qua e di là del Collio" del 2015, dedicato ad un territorio ricco di storia e tradizione che Emilo attraversa lentamente a piedi e in biciletta;  "Ichnusa. Guarire di Sardegna nell'isola di pietra", (2017) un viaggio alla scoperta di un'isola misteriosa ma al tempo stesso straordinariamente ricca; "Uno scienziato a pedali", (2017) opera scritta a due mani assieme al ricercatore Domenico D'Alelio per spiegare, attraverso il viaggio, la scienza con parole semplici e alla portata di tutti.


                        

Vi invitiamo, quindi, a cogliere l'occasione per conoscere un personaggio straordinario, accogliendolo con una partecipazione numerosa.
Fiab Piacenza Amolabici




mercoledì 28 febbraio 2018

SABATO 10 MARZO ORE 10.30
INCONTRO SUL TEMA:
"LA BICICLETTA E IL CODICE DELLA STRADA: DIRITTI E DOVERI DEL CICLISTA"
con il patrocinio del Comune di Piacenza


Andare in bicicletta può apparire così semplice e naturale che, a volte, prestiamo poca attenzione al fatto che il  Codice della Strada stabilisce precise regole di comportamento nell'utilizzo di questo mezzo.

La bicicletta è definita dal Codice della Strada come un vero e proprio veicolo e come tale obbliga il ciclista al pieno rispetto delle norme che regolano la circolazione.
Conoscere quanto il codice prevede in materia di biciclette,  garantisce al ciclista uno strumento in più per tutelarsi e accrescere la propria sicurezza.
Tuttavia, come è già stato sottolineato, "le parti del codice della strada che interessano i ciclisti sono spesso confuse e, a volte contradditorie", da qui la necessità di portare un pò di "chiarezza" su un tema così complesso quanto importante per chiunque utilizzi quotidianamente, o saltuariamente, la bicicletta per i propri spostamenti.
E' quanto tenteremo di fare noi di Fiab Piacenza Amolabici con l'incontro che abbiamo promosso per la giornata di sabato 10 febbraio a partire dalle ore 10.30 presso la sede di piazzale delle Crociate, 3,  grazie alla collaborazione di un nostro Socio esperto in materia.
I temi che affronteremo quest'anno saranno:
  • Segnaletica orizzontale e verticale
  • Gli attraversamenti: come affrontarli in sicurezza
  • Le piste ciclabili: tipologie e obblighi
  • I sensi unici: la legge cosa prevede
  • Le dotazioni obbligatorie di una bicicletta
  • "Bambini a bordo": quali regole rispettare quando si trasportano dei bambini
L'incontro è aperto a tutti, soci e non soci e la partecipazione è gratuita. Al termine dell'incontro verrà offerto, a tutti i partecipanti, un piacevole aperitivo.

Per informazioni e registrazione (consigliata) contattare:
 Pietro cell. 340 7381748 o scrivendo una mail al seguente indirizzo: fiabpiacenza@gmail.com

lunedì 1 maggio 2017

DOMENICA 7 MAGGIO
GITA DA LODI A PIACENZA
L'itinerario proposto ci farà scoprire le bellezze naturali della campagna lodigiana costeggiano il Parco dell'Adda Sud.
Con un percorso vario e mai monotono affianchiamo il canale della Muzza, un'importante via d'acqua che staccandosi dall'Adda nei pressi di Cassano attraversa e irriga la pianura, ritornando nell'Adda a monte di Castiglione. 

Qui siamo immersi nella natura, con ricca fauna e aree alberate che ci confortano con la loro ombra, un ambiente inaspettato e che ci consente di apprezzare l'importanza degli ecosistemi limitrofi ai lughi dove abitiamo e lavoriamo.



Lambendo o attraversando piccoli borghi (Caviaga, Bosiasco, Turano) sulla direttrice di una variante della Via Francigena, arriviamo a Castglione d'Adda, il paese più grande che troviamo lungo l'itinerario, quindi proseguiamo per Cavacurta e Maleo, dove potremo fare una pausa pranzo ristoratrice.
Ripartiamo in direzione di Corno Vecchio, dove incontriamo il canale Gandiolo con la possibilità di scegliere se costeggiare il canale su ciclabile oppure proseguire su asfalto passando ai Morti della Porchera.
Entrambe le strade convergono alla località Chiavicone, dove proseguiremo sulla ciclabile verso San Rocco per raggiungere infine Piacenza.


RITROVO: ore 8.45 alla stazione ferroviaria, partenza con il treno delle 09,09
LUNGHEZZA PERCORSO: 50 km
RIENTRO PREVISTO: ore 16.30
DIFFICOLTA': facile
QUOTA DI PARTECIPAZIONE: € 7,00 per il biglietto del treno e trasporto bici + € 5,0  per i non soci. Per i pranzo soste in locale a prezzi modici con la possibilità, per chi lo desidera, di consumare pranzo al sacco.
PRENOTAZIONE: obbligatoria
INFORMAZIONI E ISCRIZIONI: Attilio 333 3595101







venerdì 21 aprile 2017


"RESISTERE, PEDALERE, RESISTERE"
FIAB PIACENZA AMOLABICI 
FESTEGGIA IL 25 APRILE GIORNO DELLA LIBERAZIONE 
 

 Quest'anno si festeggia il 72° anniversario della Liberazione, noi di Amolabici aderiamo all'iniziativa nazionale "Resistere, Pedalare, Resistere" promosssa dalla Fiab Nazionale per ricordare una pagina fondamentale della Nostra storia e della democrazia del nostro Paese.

Da quest'anno parte una nuova iniziativa di cui si è resa promotrice la nostra Associazione: adottare un cippo partigiano che il tempo ha "segnato" restaurandolo e riconsegnandolo alle condizioni originarie.

Abbiamo inaugurato questa nuova iniziativa "adottando" il Cippo, in località Casanova di Pianello, dedicato al partgiano medaglia d'argento al Valore Militare GIOVANNI TANSINI caduto nella notte del 22 novembre 1944 in uno scontro armato contro forze fasciste:

"La notte del 22 novembre 1944 la zona montana di Pianello Valtidone veniva circondata da forze fasciste, ed all'alba ebbe inizio il rastrellamento. Incaricato di portare al sicuro un compagno ferito, se lo caricò sulle spalle; e percorrendo la parte alta della montagna, lo nascose in una capanna, sempre fatto segno a colpi di fuoco dai fascisti che l'avevano avvistato. Ritornò quindi per essere di aiuto ai commilitoni, ma si scontrò con una pattuglia nemica. Venne decorato con Medaglia d'Argento al Valor Militare con la seguente motivazione:"Nel corso di un aspro combattimento, circondato da preponderanti forze nemiche ed esaurite le munizioni, si difendeva all'arma bianca rifiutandosi di arrendersi. Sopraffatto, cadeva da prode." Appennino piacentino, 23 novembre 1944".

 Qui di seguito riportiamo le foto di come si presentava il cippo prima del restauro e a lavori conclusi ad opera di alcuni nostri Soci:

 Prima....
 











Dopo!! 


Programma della giornata:

Ritrovo: presso la concessionaria Ponginibbi in via XXI Aprile alle ore 8.30.
Arrivo: a Casanova di Pianello verso le ore 11.00.
Percorso: seguiremo strade secondarie, passando da Campremoldo, Cantone e Pianello
Rientro: previsto verso le ore 17.00
Quota di partecipazione: € 5,00 (per i non Soci)
Informazioni: Silvano, cell. 333 3235726






 

lunedì 3 aprile 2017


 DOMENICA 09 APRILE
GITA AL GUADO DI SIGERICO



Domenica 09 Aprile Fiab Piacenza Amolabici organizza una biciclettata da Piacenza al Guado di Sigerico - località Calendasco - per l'inaugurazione della nuova imbarcazione a nome "San Colombano", adibita al trasporto dei pellegrini e dei cicloturisti che percorrendo la Via Francigena devono essere traghettati sul fiume Po dalla sponda Lombarda a quella Emiliana e viceversa.

Ad attenderci, per l'occasione, ci sarà Danilo, proprietario dell'imbarcazione, che ne illustrerà le caratteristiche tecniche e ci racconterà, come solo lui sa fare, la sua ventennale esperienza come traghettatore dei pellegrini che ogni anno giungono sulle nostre sponde da tutto il mondo. A seguire, un interessante intervento sul tema del guado e del fiume a cura dell'Associazione Arti e Pensieri.

La gita prevede la partenza da Piacenza, con ritrovo a p.le Torino per le ore 10.00, breve percorso (16 km) lungo l'argine del Po fino al Guado. Tempo previsto di percorrenza un'ora e trenta circa; inaugurazione della "San Colombano" e merenda presso il Circolo Culturale Biffulus.
La merenda prevede: antipasto di salumi, un primo "specialità della casa", dolce, caffè, acqua e vino. Possibilità di merenda al sacco per chi non vorrà usufruire del ristoro.

Al termine della merenda Danilo sarà disponibile a traghettare i ciclisti che vorranno attraversare il Po per raggiungere la sponda lombarda a Corte Sant'Andrea.

Quota di partecipazione: 10 euro per la merenda + 5 euro per chi non è socio Fiab.

 Prenotazione obbligatoria entro e non oltre venerdì 7 aprile, telefonando al numero 340 7381748 (Pietro), al 333 3595101 (Attilio) o inviando una mail al seguente indirizzo:   fiabpiacenza@gmail.com

 Con la collaborazione di Arti e Pensieri

 

  

La gita è rivolta anche a nuclei familiari con bambini.

Gli amici delle altre sezioni Fiab che parteciperanno all'uscita, previo accordo telefonico sull' orario del loro arrivo a Piacenza, verranno accolti dai soci della sezione locale e accompagnati al punto di partenza.


Un PO di storia

Contrariamente a quanto si è propensi a credere, l'uomo medievale era abituato a spostarsi dal proprio luogo di nascita. Lo faceva per svariati motivi: per studio, per lavoro, per attività commerciali, per sfuggire a conflitti, carestie e pestilenze.
Ma uno dei motivi più affascinanti per cui l'uomo medievale intraprendeva un viaggio, spesso denso di pericoli e incognite, era di carattere religioso.
Il termine pellegrino ("peregrinus") deriva dalla locuzione "per agros" e sta a indicare colui che percorre strade fuori dal contesto urbano.
Per i primi pellegrini la meta era Gerusalemme, luogo dove aveva vissuto, predicato e morto Gesù.
Col passare dei secoli, Roma divenne l'altra principale meta dei pellegrini.
A partire dall'anno Mille il fenomeno del pellegrinaggio si diffonde sempre più e da esperienza individuale si trasforma in esperienza collettiva quale pratica di espiazione dei propri peccati.
Per raggiungere Roma i pellegrini percorrevano la via Francigena che attraversava l'intera Europa per giungere alla Città Santa.
Con il Giubileo del 1300 indetto da papa Bonifacio VIII, il pellegrinaggio acquista un nuovo slancio contribuendo a trasformare la Via Francigena nella principale via di comunicazione della penisola.
In realtà la via Francigena non seguiva un unico percorso, ma rappresentava un sistema viario caratterizzato da molte varianti.
L’itinerario più frequentato, proveniente dal nord, la via Francigena, prima di entrare in Emilia, seguiva l'argine del Po sulla sponda lombarda, fino a giungere a Corte Sant'Andrea, nei pressi del "Transitum Padi" dove i pellegrini potevano attraversare il Po sulle imbarcazioni.
Il luogo fu poi chiamato Guado di Sigerico, dal nome del vescovo di Canterbury che fu tra i primi a transitarvi. La via Francigena entrava così nel territorio piacentino e da qui proseguiva in direzione di Parma per poi valicare l'Appennino, verso Roma.